Chrissie Jamieson *

Il matrimonio è una delle tappe fondamentali nella vita di molte persone e richiede mesi di preparazione e pianificazione per assicurarsi che sia tutto perfetto per il grande giorno. Sono tante le cose da considerare, come trovare la giusta location, scegliere il catering e selezionare la band o il DJ che incontri i gusti di tutti gli invitati. Tuttavia, uno dei momenti più eccitanti per molte donne è andare alla ricerca dell’abito perfetto.

Tradizionalmente, questa ricerca comporta la visita a un atelier o una boutique e la prova di diversi vestiti fino a trovare quello giusto, avvalendosi della consulenza di una commessa esperta e della possibilità di apportare le dovute modifiche. Adesso però la diffusione di Internet ha cambiato non solo il modo in cui ordiniamo la cena e ascoltiamo la musica, ma anche il processo di acquisto degli abiti da sposa. Dalla comodità delle proprie case, le future spose navigano su internet, collezionano immagini dei propri abiti preferiti sui social e si informano sui migliori stilisti, e spesso acquistano. Insieme alla facilità con cui l’abito arriva a casa in pochi giorni, le future spose sono spesso motivate a comprare online dalla possibilità di acquistare un abito firmato, una spesa che solitamente comporta migliaia di euro, ad un prezzo più conveniente, magari sui marketplace o sui siti d’aste.

Tuttavia, sebbene l’acquisto di un vestito da sposa online possa portare a ottenere l’abito dei propri sogni ad un prezzo vantaggioso, è anche più facile essere ingannati dai contraffattori. Nell’attuale mondo online, non vi sono garanzie che l’abito acquistato sia originale e più di una futura sposa si è vista recapitare un abito totalmente diverso da quello che pensava di aver acquistato.

La disponibilità di merci contraffatte su Internet è cresciuta notevolmente durante gli ultimi anni e tutti i consumatori, incluse le future spose, dovrebbero adottare lo stesso approccio vigile che hanno nei confronti degli acquisti che effettuano fisicamente. Noi di MarkMonitor, esperti nella protezione del brand online ha compilato la seguente lista di consigli per le spose che acquistano online:

  • Prezzo: I consumatori che cercano di evitare i prodotti falsi, in alcuni casi, ignoreranno i prezzi “troppo belli per essere veri” ossia i prodotti il cui prezzo è stato ribassato in maniera troppo eclatante. Tuttavia i contraffattori sono diventati più furbi e hanno realizzato che in realtà hanno più chance di ingannare gli acquirenti con una piccola riduzione del prezzo. Per questo è importante conoscere il prezzo raccomandato di vendita del vestito e utilizzarlo come punto di riferimento. Se lo sconto applicato all’abito è anche solo del 10 o 20% è sempre opportuno fare ulteriori ricerche per verificare se il risparmio è legittimo.
  • Il sito web: I contraffattori sono molto bravi a creare falsi siti che appaiano autentici, utilizzando immagini e contenuti dei siti originali, rendendo difficile ai consumatori giudicarli correttamente. In casi come questo, è importante analizzare il sito internet nelle sezioni About e FAQ, dal momento che i falsari prestano generalmente meno attenzione ai dettagli in queste pagine. Se non includono informazioni importanti sull’azienda, per esempio i dettagli della spedizione o la sede della società, o contengono errori di ortografia, è un sito che è meglio evitare.
  • Reso e privacy policy: qualsiasi sito legittimo renderà chiare agli acquirenti queste policy, poiché sono importanti per coloro che desiderano restituire un capo danneggiato o dalla misura errata. Se queste policy sono difficili da rintracciare nel sito o sembrano non esistere, è un chiaro segnale che siamo in presenza di attività di contraffazione.
  • L’URL del sito: Spesso i contraffattori utilizzano indirizzi URL simili a quelli di brand originali ma che contengono errori di ortografia o di battitura, nella speranza che non vengano notati dai consumatori che digitano erroneamente, un metodo conosciuto come “cybersquatting”. Perciò, prima di acquistare qualunque cosa, è importante che gli acquirenti controllino l’indirizzo URL del sito assicurandosi che sia corretto al 100%. Inoltre, è molto utile controllare che nella barra degli indirizzi sia presente il prefisso “https://”, che indica che il sito web è sicuro. Infine, i contraffattori fanno ampiamente uso di termini come “outlet”, “sconti”, “offerte” e simili all’interno dell’URL per cui occorre sempre fare attenzione all’indirizzo della pagina che si sta consultando.
  • Marketplace online e Social Media: Infine, coloro che cercano affari su Internet e in particolare sui marketplace online, dovrebbero controllare accuratamente le recensioni del venditore o dei prodotti che stanno cercando di acquistare. Se le recensioni sono estremamente positive si può dedurre che il venditore sia affidabile, me se le recensioni sono per la maggior parte negative vale la pena di controllare altre opzioni disponibili. Inoltre è bene non fidarsi troppo delle offerte che si trovano sui social media, dal momento che i contraffattori sono abili nel riprodurre le pagine dei brand originali. Anche in questo caso è necessario verificare che la pagina consultata sia originale e che rimandi al legittimo sito del brand.

 

*senior director marketing communicationsMarkMonitor

  • Uff. stampa: Simona Labianca – Shin Communication

Via Monegherio, 6 – 20090 Cesano Boscone – Italy
Tel. +39 02 39547601 –
Email: simona@shincommunication.com
www.shincommunication.com