Cade ogni anno il 31 ottobre la Giornata Mondiale del Risparmio, una ricorrenza istituita nell’ottobre del 1924 durante il 1° Congresso Internazionale del Risparmio, e da allora organizzata ogni anno da Acri, l’associazione delle Fondazioni di origine bancaria e delle Casse di Risparmio Spa.

Una giornata che assume un significato ancora più importante quest’anno, alla luce dei cambiamenti socioeconomici innescati dalla pandemia da Covid-19 che, tra le innumerevoli conseguenze, ha accresciuto anche l’attenzione e l’attitudine degli italiani verso il risparmio. La tendenza emerge con chiarezza dalla terza edizione dell’Osservatorio Globale di Selligent sulle abitudini dei consumatori, uno studio globale condotto su 5.000 consumatori, focalizzato sulle interazioni con i brand e le aspettative verso i marchi, condotto annualmente da Selligent Marketing Cloud, azienda di tecnologia marketing cloud omnichannel.

Stando ai risultati della ricerca, infatti, la pandemia ha avuto conseguenze negative sul lavoro e sul reddito dell’81% dei rispondenti italiani, contro il 75% degli interpellati a livello globale. Ne consegue un evidente e diretto impatto sulla spesa dei consumatori: il 64% di loro si concentra infatti principalmente sull’acquisto di beni essenziali. A compensare, ci pensano però le vendite online, che sembrano “reggere” ancora bene, e l’emergere di nuove necessità connesse dalle nuove abitudini dettate dalla situazione attuale. Ad esempio, il 65% degli italiani – contro il 58% delle statistiche globali, considera lo smart working come parte integrante del proprio futuro, e il 56% dichiara di voler effettuare nuovi acquisti per riflettere questo nuovo stile di vita da remoto.

Alice Zerbinati

Account Executive

Via Dante, 4 – Milano, 20121 

T  +39 02 36531375

teamlewis.com