Covid19 e   RintraccioFacile.it e Gruppo IREC fotografano la situazione dei pagamenti nel nostro paese, in ritardo per oltre 7 aziende su 10. Da chi afferma di aver saldato, a chi ne fa una questione di orario.

    Tra le conseguenze della crisi portata dalla pandemia da covid19 c’è anche l’allungamento delle tempistiche per il saldo delle fatture. Secondo quanto evidenziato da RintraccioFacile.it, spin-off del Gruppo IREC, leader nella gestione e recupero dei crediti commerciali, circa 7 aziende su 10 stanno riscontrando un forte ritardo nei pagamenti, che interessa circa il 68% delle fatture emesse da marzo ad oggi, saldate in media 40 giorni oltre la media del periodo pre-covid19.  

Per gli imprenditori questo ritardo comporta spesso l’impossibilità di far fronte ai propri impegni, come il pagamento di affitto o mutuo, gli stipendi dei dipendenti, il saldo dei loro fornitori e via dicendo.
Una situazione che assume talvolta dei tratti drammatici, resi però surreali da alcune delle motivazioni avanzate dai creditori.   Sulla base di una lunga esperienza pluriennale, RintraccioFacile.it e il Gruppo IREC hanno stilato un breve identikit delle varie tipologie di ritardatario, individuandone 8.
Ognuno ha determinate caratteristiche peculiari, imparare a riconoscerle è determinante per tutti gli imprenditori, per evitare di farsi cogliere impreparati al momento dei pagamenti.  

Ritardatario: la sua filosofia è che c’è sempre tempo per pagare e quindi è giusto prendersi tutto il tempo possibile. Probabilmente nella vita privata il Ritardatario è una di quelle persone che se ha un appuntamento alle 18.00, prima delle 19 non si vede.

Disorganizzato: non lo fa apposta! Vorrebbe far tutto nei giusti tempi, ma non sa mai se qualcosa è stata pagata o meno e vive cercando bollettini e ricevute di pagamento. Per trattare con lui, preparatevi a ricostruire la sua cronistoria da 5 anni a questa parte.

Posticipatore: a differenza dei primi 2, agisce con cognizione e malizia e spesso anche con estrema organizzazione e precisione nel posticipare i pagamenti ai suoi fornitori. Nella vita privata, probabilmente fa parte di quei soggetti che se anche hanno un importante somma di denaro, comprano tutto a rate con il tasso 0!

Pubblico: potrebbe anche essere considerato come il Disorganizzato per eccellenza. Fino a qualche anno fa si diceva che lo Stato pagasse in ritardo ma che comunque prima o poi lo facesse. Attualmente, però, si stima che la cosa pubblica abbia un debito nei confronti di terzi, pari a circa 70 miliardi di euro. Con un’attività di recupero seguita in maniera professionale, le tempistiche di pagamento si accorciano del 60%.

Big: si sentono in diritto di posticipare o non pagare poiché si tratta di somme importanti. Spesso senza motivo reale chiedono sconti in cambio di pagamenti immediati. Hanno un potere contrattuale rilevante e lo fanno pesare! I loro fornitori spesso per necessità si ritrovano ad abbassare la testa e ad accettare accordi svantaggiosi pur di incassare almeno una parte dei propri soldi. Attenzione a queste condotte!

In Difficoltà: sono la maggior parte delle persone o aziende che oggi devono pagare uno o più debiti, spesso poiché a loro volta hanno difficoltà ad incassare i propri di soldi. La gestione di tali crediti richiede bravura negoziale, che probabilmente graverà sulle spalle del titolare dell’azienda. Il consiglio è formare o formarsi in maniera adeguata per riuscire a svolgere questo compito, oppure appoggiarsi a professionisti.

L’amicone: è il debitore più difficile in assoluto, perché fa leva sulle relazioni e sulla sfera emotiva che ognuno di noi ha e quindi non ci permette di prendere decisioni sempre corrette. Sangue freddo è la parola d’ordine quando si tratta con lui!
Finto ricco: figura tipicamente nostrana, sfoggia abbigliamento super griffato, abbronzatura anche a metà dicembre, spesso alla guida di veicoli di grossa cilindrata. Quando si ha a che fare con questa tipologia di debitore è molto complicato prendere decisioni accurate, poiché la sua immagine comunica qualcosa che non sempre corrisponde alla realtà. Infatti, spesso alla fine si scopre che non ha uno stipendio e che vive con sussidi di ogni tipo, sul conto corrente non ha nulla, la macchina è in leasing e probabilmente non la paga da diversi mesi ed i vestiti griffati gli sono stati regalati durante diversi natali e compleanni. In questo caso agire avendo dati certi e supportati da professionisti sicuramente fa la differenza!  



  Ufficio stampa   Alessandro Maola
06.8777.8605 | 339.233.55.98 
Skype: alessandro.maola 
info@alessandromaola.it