Il centro estivo diventa occasione di welfare aziendale per Roncadin. L’azienda di Meduno (PN), leader nella produzione di pizze surgelate di alta qualità, in collaborazione con la Parrocchia di Meduno-Navarons e il Comune di Meduno, ha dato vita al Grest post vacanze, iniziato lunedì 30 agosto e che durerà fino al 10 settembre. Complessivamente due settimane di attività che Roncadin ha voluto per i figli dei propri dipendenti con l’intento di offrire un servizio importante alle famiglie, in attesa della ripresa delle scuole.

Sono una ventina i ragazzi, figli dei dipendenti Roncadin, che hanno aderito al progetto; a questi si aggiungono altrettanti giovanissimi medunesi che si sono iscritti e che partecipano alle diverse attività proposte dalla Parrocchia di Meduno, cui è stata affidata la gestione del centro estivo.

«L’idea di proporre un Grest post vacanze è emersa da un momento di incontro con il gruppo aziendale che coinvolge i lavoratori nello sviluppo di iniziative di welfare aziendale a sostegno dei dipendenti. In questo modo abbiamo messo a fuoco un’effettiva necessità delle famiglie con figli minori» osserva l’amministratore delegato, Dario Roncadin. «Le settimane che separano tradizionalmente il rientro dalle vacanze dalla ripresa delle attività scolastiche sono di fatto un periodo scoperto da servizi dedicati a bambini e ragazzi. In collaborazione con la Parrocchia abbiamo organizzato questo centro estivo, con la volontà di dare vita a una rete territoriale per costruire una risposta a un effettivo bisogno delle famiglie. I risultati sono stati ottimi in termini di numeri e apprezzamenti e siamo intenzionati a ripetere l’iniziativa in futuro».

«La parrocchia ha condiviso volentieri questa iniziativa, che per noi rappresenta la continuazione ideale delle sei settimane di centro estivo già proposte – commenta il parroco di Meduno Don Omar Bianco –. Per la nostra comunità è un esperimento e possiamo dire di essere contenti della risposta che c’è stata. Veniamo incontro a quella che, per le famiglie, è una necessità. Questo risultato positivo è frutto della condivisione che c’è stata sia con Roncadin, sia con l’amministrazione comunale, che ha supportato l’iniziativa per quanto riguarda i trasporti e la concessione di locali».

Roncadin è entrata anche nel merito delle attività proposte, aprendo l’azienda ai ragazzi. Sono state previste infatti visite allo stabilimento e al Roncadin Pizza Lab con gli esperti dell’azienda per carpire i segreti della lievitazione: in questa occasione i ragazzi hanno realizzato il proprio impasto da portare a casa assieme al kit di ingredienti per la farcitura, per poi cucinarlo la sera con le famiglie. Non sono mancate, naturalmente, degustazioni di pizza.

Ufficio stampa Roncadin Spa: Eo Ipso

Miriam Giudici – mgiudici@eoipso.it – 346 3907608