L’11 novembre si è celebrato il Single’s Day, un evento simbolico nato in Cina nel lontano 1993 e originariamente dedicato ai cuori solitari a causa della sua abbondanza di “1” nella data (11/11) che rappresentano l’individualità.

Negli ultimi anni l’aspetto commerciale sembra avere preso il sopravvento e si potrebbe dire che è l’appuntamento tutto Made in China con sconti ed offerte che ormai sta prendendo piede sempre di più anche alle nostre latitudini. A riprendere il carattere originale di questa tradizione ci ha pensato  Once, app pioniera dello slow dating, che in occasione della festa dedicata ai single ha chiesto ai suoi utenti italiani che cosa significhi oggi essere single.

Single è bello

Tra i single intervistati, solo il 17% è single per scelta e preferisce, come recita il detto, una vita in solitaria piuttosto che essere “male accompagnati”. Tuttavia, quasi la metà (il 48%) dichiara di sentire la mancanza di qualcosa (o meglio qualcuno) di speciale nella propria vita e spera di trovare una persona speciale al più presto. Eppure solo il 3% degli intervistati sente di soffrire la pressione sociale circa il proprio celibato o nubilato, mentre il 67% lo accetta e pensa che sia una situazione perfettamente normale che oggi non è più affatto disapprovata.

Un single italiano su tre (il 34%) non si mette sotto pressione e preferisce prendersi il proprio tempo per la ricerca dell’anima gemella, mentre due single italiani su cinque dichiarano di fare di tutto per aumentare il numero di opportunità di nuovi incontri (40%), e uno su quattro (il 25%) preferisce lasciare fare al destino e aspettare che la fortuna sorrida alla propria sorte amorosa.

I vantaggi dell’essere single

Se per il 68% degli intervistati il più grande svantaggio di essere single resta la solitudine e le serate diventano a volte lunghe, la maggior parte rimane fiduciosi e positivo, vedendo anche numerosi vantaggi. Circa la metà dei single italiani (il 49%) interpellati dichiara infatti di adorare il fatto di avere più tempo per se stessi, uno su tre (il 31%) apprezza la condizione di non essere dipendente da nessuno e di vivere la propria vita un giorno alla volta, a proprio piacimento e uno su cinque (il 20%) vive positivamente soprattutto l’idea di affrontare con eccitazione ed entusiasmo ogni nuovo primo appuntamento cui vanno incontro.

Ufficio stampa Now!PR

Isabella Stucchi | isabellas@nowpr.it 

Tel. 02.8812901