Con 52.900 tonnellate di imballaggi in alluminio riciclate nel 2021, pari al 67,5% delle complessive 78.400 tonnellate immesse sul mercato – cui vanno aggiunte 3.700 tonnellate di imballaggio sottile destinato alla termovalorizzazione – l’Italia si conferma anche per il 2021 tra le eccellenze a livello europeo per quantità di alluminio riciclato prodotto.

Il risultato, vitale per un Paese la cui produzione di alluminio si basa al 100% sul riciclo, ha consentito di evitare emissioni serra pari a 371mila tonnellate di CO2 e risparmiare energia per oltre 159mila tonnellate equivalenti di petrolio, ed è stato reso possibile grazie all’azione combinata di istituzioni, imprese, operatori, cittadini e comuni.

In particolare, sono oggi 5.638 i Comuni e circa 47 milioni i cittadini attivi nella raccolta differenziata dell’alluminio con cui CIAL collabora, nell’ambito dell’Accordo Quadro Anci-Conai, su tutto il territorio nazionale.

Numeri che hanno consentito di mantenere il trend positivo della raccolta differenziata gestita dal Consorzio negli ultimi anni, con un incremento, nel 2021, sia dell’immesso (+11,4%) sia delle quantità riciclate (+11,6%).

“Il nostro Paese” ha commentato il Presidente di CIAL Carmine Bruno Rea nel corso dell’Assemblea “con un tasso di riciclo del 67,5% – in linea con i valori degli ultimi anni – non solo ha da tempo raggiunto e superato gli obiettivi al 2025 e al 2030, ma si colloca ai primi posti in Europa con quasi 10 punti percentuali sopra la media degli altri paesi. Si tratta di un risultato molto importante che denota la validità e l’efficacia del sistema nazionale di gestione dei rifiuti di imballaggio basato su una solida e consolidata collaborazione tra pubblico e privato. Uno degli strumenti, infatti, più importanti e che hanno garantito che il sistema funzionasse con successo, efficienza ed efficacia” ha proseguito il Presidente Rea “è l’Accordo Quadro Anci-Conai-CIAL, con risultati e performance crescenti e in linea con i migliori standard europei. L’accordo quadro nazionale conferma l’importanza della vocazione sussidiaria al mercato di CIAL e il suo forte impegno per una corretta e fluida gestione dei rifiuti di imballaggio all’interno di un quadro normativo in continua evoluzione e in un momento storico caratterizzato da grandi incertezze sul mercato delle materie prime. Nel 2021 il nostro Consorzio, in base all’accordo quadro Anci-Conai-CIAL e a un sistema premiante della qualità, modulato sull’andamento del mercato dell’alluminio,” ha concluso Rea “ha riconosciuto ai comuni italiani convenzionati con CIAL circa 11 milioni di Euro.

L‘assemblea di CIAL ha poi approvato il Bilancio 2021 e ha nominato il nuovo CDA per il prossimo triennio.

Un packaging ‘permanente’

Leggero, per niente inquinante, riciclabile al 100% e per infinite volte. Robusto ma duttile, resistente ma malleabile. L’alluminio è oggi utilizzato per la produzione di svariate tipologie di packaging/imballaggi utili per contenere, proteggere e conservare prodotti alimentari e di altra natura: lattine per bevande, scatolette e vaschette per alimenti, fogli sottili, bombolette spray, tubetti, tappi e chiusure.

Tutti questi materiali, dopo aver svolto la propria funzione possono facilmente essere trasformati in nuovo alluminio pronto a essere (ri)utilizzato per realizzare, a costi ambientali particolarmente bassi, numerosissimi prodotti di lunga durata. Basti pensare che oggi, il 75% di tutto l’alluminio da sempre prodotto nel Mondo è ancora in uso.

I numeri CIAL nel 2021

  • 250 imprese consorziate.
  • 441 operatori convenzionati, 270 piattaforme e 12 fonderie su tutto il territorio nazionale garantiscono la raccolta, il trattamento, il riciclo e il recupero dell’alluminio.
  • 5.638 Comuni (il 71% dei Comuni italiani attivi) collaborano con CIAL alla raccolta differenziata degli imballaggi in alluminio, con 47 milioni di cittadini coinvolti (il 79% degli abitanti italiani serviti).
  1. Incremento medio nell’ultimo triennio del 9% della raccolta differenziata.
  • Quantità di imballaggi in alluminio immesse nel mercato italiano: 78.400 tonnellate.
  • Recupero totale degli imballaggi in alluminio in Italia (quota di riciclo + quota di imballaggi avviati a recupero energetico): 56.600 tonnellate.
    • Riciclo: 52.900 tonnellate di imballaggi in alluminio, pari al 67,5% del mercato
    • Recupero energetico: 3.700 tonnellate (quota di imballaggio sottile che va al termovalorizzatore)
  • Grazie al riciclo di 52.900 tonnellate di imballaggi in alluminio sono state evitate emissioni serra pari a 371mila tonnellate di CO2 e risparmiata energia per oltre 159mila tonnellate equivalenti petrolio.

AL 100% responsabile

  • L’alluminio è riciclabile all’infinito.
  • Il riciclo dell’alluminio garantisce un risparmio energetico del 95% rispetto
  • ai processi tradizionali.
  • Il 75% di tutto l’alluminio da sempre prodotto nel Mondo è ancora in uso.
  • In Europa si ricicla la più alta quantità di alluminio pro capite nel Mondo.
  • Oggi la produzione italiana si basa al 100% sul riciclo.
  • Italia ai primi posti in Europa per quantità di alluminio riciclato prodotto.

Take – Cantiere di Comunicazione

– Francesco Pieri – 3485591423

f.pieri@cantieredicomunicazione.com                             

Stefano Stellini – Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne CIAL

 – 3355329023 – s.stellini@cial.it