È possibile immaginare un mondo senza conchiglie e coralli? La risposta è ovviamente no, ma occorre agire in fretta perché il punto di non ritorno è vicino. L’ecosistema marino è in grave pericolo e le prime conseguenze sono già sotto gli occhi di tutti, come dimostra lo sbiancamento della Grande Barriera Corallina in Australia e la presenza sempre più massiccia di alghe nella Riviera Maya del Messico.

Nella giornata di oggi, martedì 21 giugno, si celebra la Giornata Mondiale della Conchiglia (istituito dal Lee County Visitor & Convention Bureau per salvaguardare le centinaia di migliaia di conchiglie della baia di Fort Myers e sulla prospicente isola di Sanibel in Florida) che, nel corso della storia dell’uomo, è stata impiegata per i più disparati scopi: da moneta di scambio a strumento musicale, fino a oggetto da cui ricavare monili e gioielli.

Le conchiglie sono una meraviglia della natura che rischiamo di perdere – allerta Stefano Pedone, Project Officer per SEAstainable all’interno di Worldrise Onlus – Nate come stratagemma sviluppato da alcuni animali per difendersi dai predatori, con il passare delle ere le conchiglie hanno svolto ruoli ecologici molto più ampi e complessi”. Per comprendere meglio la vastità di questa specie marina basti pensare che esiste un ramo della zoologia chiamato malacologia: questa branca dedicata è in continua evoluzione “perché attualmente si stima che sul Pianeta siano presenti 20mila specie di bivalvi, tra i 40 e 100mila gasteropodi e molti altri molluschi”, spiega Stefano Pedone.

Tutto questo ecosistema, però, è seriamente minacciato dal progressivo aumento di CO2 nell’atmosfera dovuto ai combustibili fossili e alla deforestazione che si riflette sugli oceani: una quantità significativa di CO2 (circa il 25-30%), infatti, viene assorbita dai mari con gravi conseguenze per tutto il biosistema marino. I recenti studi pubblicati su Nature illustrano come ilpHdel Mar Mediterraneo si stia abbassando di circa 0.0044 punti all’anno: se questo trend fosse confermato in 50 anni assisteremmo ad una diminuzione del pH di 0.2 punti scendendo dall’attuale 8.1 ad un ipotetico 7.9.

Sebbene possa sembrare una variazione minima, questo fenomeno chiamato acidificazione degli oceani porterebbe conseguenze drammatiche per tutto l’ecosistema marino. “Ricordiamoci che se non fosse stato per gli oceani, dall’inizio dell’era industriale ad oggi la temperatura dell’atmosfera sarebbe di 36°C più alta – continua sempre lo stesso Stefano Pedone – Più CO2 in atmosfera significa anche più CO2 in mare dove rilascia ioni di idrogeno diminuendo il pH e causando un grave disequilibrio chimico: gli ioni idrogeno richiamano, infatti, gli ioni carbonato che sono fondamentali sia per i crostacei per costruirsi il carapace, sia per tutti gli organismi costruttori di conchiglie e sia per le sclerattinie, ovvero i coralli dallo scheletro calcareo”.

Una maggiore difficoltà a trovare gli ioni di carbonato dall’acqua marina vuol dire essere più vulnerabili ai predatori marini o ai fenomeni meteorologici violenti: con carapaci più deboli e conchiglie più sottili, considerando un panorama temporale di medio-lungo termine, alcune specie rischiano l’estinzione avendo minori possibilità di sopravvivenza. Una situazione difficile che non riguarda solo conchiglie e coralli ma tutto l’ecosistema marino: con un pH a 7.9 la sopravvivenza del plankton sarebbe messa a rischio innescando una reazione a catena visto che verrebbe a mancare una delle principali fonti di nutrizione per le balene e i salmoni.

In un mondo senza conchiglie verrebbe a mancare un oggetto che fin dai tempi più antichi ha avuto un ruolo di grande importanza nella storia dell’uomo. Grazie all’enorme varietà di forme e dimensioni, le conchiglie sono state utilizzate nei modi più differenti: recipienti, strumenti musicali, moneta di scambio, gioielli ed elementi decorativo nelle varie forme artistiche in pittura (pensiamo alla “Nascita di Venere” di Botticelli) e in scultura: “Siamo attivi da tre generazione nei lavorazioni dei camei su conchiglia – spiega Gino Di Luca, fondatore di Cameo Italiano, azienda leader specializzata nella creazione di camei su conchigliaAbbiamo sempre messo al primo posto la sostenibilità delle nostre creazioni perché sappiamo qual è il valore e l’insostituibilità della materia prima. All’interno dei nostri laboratori, lavoriamo un materiale naturale non incluso nelle liste Cites, organismo costituito con la Convenzione di Washington che tutela le specie animali e vegetali a rischio di estinzione attraverso la regolamentazione del loro commercio e della loro esportazione”.

Per il futuro Cameo Italiano sta già guardando anche ad altri materiali sostenibili per arricchire la propria collezione: “Già da oltre un anno stiamo portando avanti un progetto di ricerca di materiali alternativi con paste minerali realizzati da scarti di pietra e polveri: abbiamo presentato una prima collezione a Vicenzaoro ottenendo anche un buon riscontro da parte dei buyer”, illustra lo stesso Di Luca.

Giovanni Ferrario

Media Relations Account

g.ferrario@espressocommunication.it

Espresso Communication Srl

Via Melette di Gallio, 4 – 20900 Monza | MB

Tel. 039 2720311 – Cel. 333 2232302

www.espressocommunication.it