DALLA 13ma EDIZIONE DEL FORUM DELLA COMUNICAZIONE 2020: NASCE “IL DECALOGO DELLA COMUNICAZIONE NEL CAMBIAMENTO”

Il pubblico del Forum è stato concorde: Comunicare. Sempre!

Trasparenza, empatia, vicinanza, autenticità, concretezza: sono alcune delle parole chiave che hanno caratterizzato la 13ma edizione del Forum della Comunicazione 2020 – il principale appuntamento italiano della comunicazione d’impresa e istituzionale con focus specifico sui temi dell’innovazione e del digital engagement organizzato da Comunicazione Italiana – nella sua edizione online che è tenuta l’11 giugno e che è stata seguita da 4.000 visitatori. Una maratona digitale di oltre 8 ore che ha visto la partecipazione di 100 speaker tra i principali rappresentanti di aziende e istituzioni, impegnati in Digital Talk e Tavoli Tematici e che sono stati in prima linea per condividere l’esperienza e definire modelli positivi e nuovi per la Comunicazione all’indomani del “Communication Impact”, tema chiave di questa edizione. Ne è emerso in maniera manifesta che l’emergenza ha quindi accelerato ed enfatizzato il bisogno di trasparenza, fruibilità e coinvolgimento. L’attenzione è alta e la coerenza a tutti i livelli sarà un requisito imprescindibile.

In un momento storico che ci ha particolarmente colpito, anche la Comunicazione ha il dovere di interrogarsi, di confrontarsi e di imparare dall’esperienza. Lo abbiamo fatto nel nostro appuntamento annuale in una maratona digitale e interattiva. A tutti i protagonisti della comunicazione che hanno partecipato e ai tanti professionisti che ci  hanno seguito, va il nostro ringraziamento per aver partecipato ed essersi uniti a quella che è stata un’importante giornata di stimoli, confronti, idee, visioni e riflessioni che sono certo contribuiranno ad una crescita professionale di noi tutti guidata da nuovi valori a cui ispirarsi e da cui partire per accogliere le nuove sfide che ci attendono”, ha commentato Fabrizio Cataldi, Founder & Chairman del Network Comunicazione Italiana, organizzatore dell’evento.

Il Forum della comunicazione 2020 è stata anche l’occasione per immaginare il futuro della Comunicazione: nasce “Il Decalogo della Comunicazione nel cambiamento”, un vero e proprio manifesto della Comunicazione stilato da alcuni dei protagonisti relatori di spicco di aziende multinazionali e istituzioni per raccogliere la loro visione della professione in questo importante momento.  Le venti frasi di base fornite dai professionisti, sono state oggetto di una survey live nel corso del Forum della Comunicazione 2020 che è stata votata da 426 partecipanti e ha sancito nell’ordine “Il Decalogo della Comunicazione nel cambiamento”:

  1. Comunicare. Sempre. La comunicazione va portata avanti sempre ed è una voce di budget da non tagliare, soprattutto quando ci sono criticità come una pandemia.
  2. Narrare per creare un nuovo senso di appartenenza. Oggi più che mai, la comunicazione deve creare un ecosistema di contenuti per creare una connessione con i consumatori, in cui possano realmente identificarsi.
  3. Online? Offline? Non esistono più i confini. Non ha più senso parlare di comunicazione on e offline, di analogico e di digitale. Le barriere tra questi due mondi non esistono più e la nostra audience richiede un nuovo modo di comunicare.
  4. Non ‘intellettualizzare’ la comunicazione: pulizia, chiarezza, completezza, trasparenza, responsabilità e correttezza.
  5. Dobbiamo imparare ad esercitare di più l’ascolto attivo.
  6. Fiducia e reputazione sono conquiste che proteggono in caso di crisi.
  7. Non basta ‘saper fare bene’, bisogna anche ‘far sapere bene’: è necessario comunicare le competenze e le professionalità con competenza e professionalità.
  8. È tempo di pretendere più verità e autenticità della comunicazione.
  9. La comunicazione non sostituisce il contenuto ma lo valorizza.
  10. Autenticità e visione: puntare a una comunicazione di tipo ‘carismatico’, che abbia – cioè – un orizzonte, anche lontano, ma nitido.

La Comunicazione fa tesoro di quello che è accaduto e sceglie, consolida e si definisce tenendosi lontana dall’omologazione per sintonizzarsi sempre più sul senso di fiducia che passa dall’autenticità e dalla concretezza per meglio rispondere ai bisogni dei pubblici e dei consumatori. Una comunicazione che passa dall’importanza della comunicazione interna, stabilendo una vicinanza tra il pubblico e le parti aziendali, una comunicazione che è sempre più integrata e multicanale e che mette al centro le persone e i contenuti e sceglie di essere corretta, trasparente, autentica per rispondere sempre più all’esigenza di identità e di ruolo strategico nell’interazione.

Weber Shandwick Italia  

Laura Vecchi M +39 3355311465 E: lvecchi@webershandwickitalia.it  

Federica Mancini M +39 348 0005586 E: fmancini@webershandwickitalia.it