I riflettori dell’Erasmus si accendono per l’Italia: il Bel Paese consacrato come una delle migliori mete

 

Era il 1987 quando il programma Erasmus fu istituito. Da allora, ha fatto viaggiare milioni di studenti per l’Europa ed oggi, a distanza di poco più di 30 anni dalla sua nascita, è riuscito a coinvolgere più di 30 paesi.

Acronimo di European Region Action Scheme for the Mobility of University Students, il progetto è sicuramente il fiore all’occhiello ed il miglior successo dell’Unione Europea: solo nello scorso anno, sono stati 9 milioni i vincitori di una borsa di studio Erasmus+.

Fin dagli albori del progetto, Erasmus Student Network (ESN), associazione studentesca no-profit presente in più di 500 università ed istituti superiori d’istruzione, dislocati in più di 40 paesi, si è impegnata attivamente per il miglioramento della qualità del soggiorno degli studenti internazionali in scambio Erasmus, facendosi portavoce della mobilità studentesca in virtù del principio Students Helping Students.

All’interno del network europeo, Erasmus Student Network Italia ha da sempre indirizzato ogni suo sforzo al miglioramento della qualità del soggiorno studio dei studenti stranieri in scambio nelle città del Bel Paese. Le 54 associazioni locali del network italiano offrono un aiuto prezioso per gli Erasmus, prestando loro opera di accoglienza e consulenza, fornendo servizio di informazione e organizzando eventi culturali e ricreativi che favoriscano l’integrazione dello studente straniero nell’ambiente universitario locale.

Dopo anni di impegno costante, ESN Italia ha visto i propri sforzi riconosciuti ed acclamati a livello europeo con l’assegnazione di ben 11 premi per i risultati ottenuti con dedizione, passione e impegno durante il 2017.

È stato, infatti, durante la riunione annuale delle sezioni del network europeo di ESN, chiamata Annual General Meeting (AGM), che i riflettori dell’Erasmus si sono ufficialmente accesi per l’Italia, consacrandola una delle migliori nazioni in Europa in cui svolgere il periodo di scambio.

ESN Italia si è aggiudicata il podio in ben 9 categorie che hanno letteralmente fatto brillare il suo operato e quello delle sue 54 sezioni. Le classifiche parlano chiaro: il nostro paese si è visto acclamare in numerosi ambiti, dal fundraising, alla cultura (premio CultureStar), dall’organizzazione di eventi nazionali e internazionali, alla creazione di progetti ad hoc per il supporto dello studente Erasmus; è leader nella cooperazione fra sezioni, che sono – sia quelle nuove, che quelle più “navigate” – tra le migliori in Europa per servizi offerti e qualità; è abile promotore di sé e del suo operato sia tramite il web (premio WebStar) che tramite la distribuzione e la promozione della ESNcard (dove il podio è stato tutto azzurro). Non è un caso che l’Italia si sia aggiudicata il premio come secondo miglior paese di ESN (StarLand) e in Italia ci sia la miglior sezione ESN del 2017, l’associazione presente nell’Università Cattolica di Milano.

“Si tratta di un traguardo eccezionale per i volontari italiani che con grande passione hanno investito il proprio tempo e le proprie energie nelle attività di integrazione degli studenti Erasmus nel nostro Paese e che finalmente vedono riconosciuto il proprio instancabile operato sia nel livello locale, che nazionale. – commenta Vittorio Gattari, presidente di Erasmus Student Network Italia – Questo notevole risultato dichiara ufficialmente il nostro Bel Paese come uno dei migliori in cui svolgere un periodo di mobilità ed è sicuramente un forte stimolo per le sezioni di ESN Italia che ogni giorno si adoperano a mantenere alto il livello delle attività proposte per gli studenti Erasmus. Ora potranno continuare a farlo forti dello stimolo dato dal riconoscimento e dall’appoggio del resto di Erasmus Student Network”.

Press Officer ESN Italia

Giulia Maltoni

  pressofficer@esn.it

——–

Erasmus Student Network Italia
Via Università, 12
43121 Parma
CF 92105850348
P.IVA 02507830343
www.esnitalia.org