LA CULTURA DELLA PACE IN AZIENDA

Le applicazioni della cultura della nonviolenza nella vita lavorativa quotidiana:

il caso di GUNA, azienda attenta al benessere dei suoi dipendenti, che promuove eventi e incontri nella giornata ONU della Nonviolenza.

Il 2 ottobre si è celebrata la Giornata Internazionale della Nonviolenza, un giorno per ricordare, educare e agire in nome della cultura della pace, della tolleranza e della giustizia, e in memoria del Mahatma Gandhi, di cui il 2 ottobre si festeggia l’anniversario della nascita.

GUNA S.p.a., azienda italiana leader nella medicina low-dose e che da oltre dieci anni ha sviluppato la Nutraceutica Fisiologica, un metodo basato su strategie di prevenzione che rispettano la corretta fisiologia del corpo umano, ha organizzato per il decimo anno consecutivo un’iniziativa aziendale speciale, dedicata alla filosofia della pace.

Quest’anno, il 2 ottobre, si parlerà in GUNA dell’arte come strumento efficace per la veicolazione di messaggi non violenti, alla presenza di ospiti come Lanfranco Li Cauli del Teatro alla Scala di Milano e Fabrizio Petri, del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione internazionale, direttore del CIDU, Comitato Interministeriale per i Diritti Umani, che porteranno la loro personale esperienza con testimonianze in un dibattito e confronto su questi temi.

Ricercare gli elementi positivi nelle culture altre aiuta a riconoscere e comprendere quei punti di unione che portano l’essere umano al centro e a valorizzare tutte le sue diversità, elementi di arricchimento e non di scontro. L’arte come linguaggio universale, ponte fra culture e fra generazioni. Entrambe portano l’individuo a una conoscenza dell’altro e a una “consapevolezza di sé” in grado di generare un accordo speciale, duraturo e di valore tra noi e coloro che ci circondano.

Promotrice di una cultura del benessere a partire dal luogo di lavoro, GUNA ha visto crescere negli anni il coinvolgimento dei suoi dipendenti e collaboratori su quei temi portanti della giornata della nonviolenza, favorendo così un clima aziendale quanto più possibile costruttivo, sereno e collaborativo. Risultati importanti sostenuti anche grazie alla presenza in organico di Antonella Zaghini, una Peace Manager, carica ad oggi unica nel panorama imprenditoriale italiano, responsabile dell’area CSR e di tutta l’attività interna centrata sulla valorizzazione dell’inclusione, dell’aiuto reciproco e del rispetto sul luogo di lavoro.

GUNA crede fortemente nello sviluppo di politiche concrete per rendere l’ambiente di lavoro un luogo non solo produttivo ma anche di benessere psicofisico che parte dal singolo per diventare collettivo. Un’onda positiva che può condizionare positivamente la vita di tutti i giorni, dentro e fuori l’azienda.

“La violenza è profondamente radicata nella nostra cultura, e non esistono solo azioni violente o non violente, ma anche idee, concetti e atteggiamenti “violenti”: anche negare a un essere umano la possibilità di esprimersi in modo creativo, può essere considerato un quotidiano gesto di violenza” ha commentato Alessandro Pizzoccaro, Presidente del CdA di GUNA S.p.a.. “Ricercare elementi positivi delle diverse culture, enfatizzare l’uguaglianza di diritti e opportunità, la valorizzazione delle diversità, lo sviluppo delle conoscenze culturali e scientifiche, sono tutte attività umane che la scienza umanistica, nelle sue più diverse forme, ha indagato nel corso dei secoli; per contro, rabbia, contraddizione, dolore, chiusura, degradazione, divisione, competizione esasperata ed egocentrismo, possono connotare le azioni umane in modo ‘violento’, tanto che molte volte nel passato la stessa arte è stata utilizzata a fini di propaganda, asservita a interessi politici e discriminatori. Per questo – ha concluso Pizzoccaro – in occasione del 2 ottobre, data della nascita di Gandhi, da anni celebriamo l’importante ricorrenza con incontri e dibattiti su questo appassionante tema, che tocca la vita non solo lavorativa ma anche personale di tutti noi”.

Ufficio stampa:

 GUNA

Viviana Basso

Glebb & Metzger s.r.l.

Milano – Largo La Foppa, 1

Tel. +39 02 72023003 – Cell.+39 342 8536126

E-mail:vbasso@glebb&metzger.it

www.glebb-metzger.it

Torino – Corso Galileo Ferraris, 31

Tel. +39 011 5618236 – Fax +39 011 5637506