Massimo Tesio *

 

La radio, e la sua evoluzione social e digitale per stabilire un punto di contatto con la generazione dei Millennials. Si parla molto della dipendenza della nuova generazione di internet e social network e la radio rimane il mezzo che facilita il contatto con il loro mondo. In Italia sono circa 11 milioni i Millennials, generazione ‘simbolo’ nata tra gli anni Ottanta e il Duemila che sta segnando il passaggio alla società digitale. Grandi utilizzatori dei social network (il 76%), sullo smartphone trascorrono mediamente 2 ore e 41 minuti al giorno.

La seconda edizione della Class Digital Experience Week (WWW.CLASSDIGITALWEEK.IT) IDEATA E ORGANIZZATA DA CLASS EDITORI sarà promossa, vissuta e raccontata da RDS 100% Grandi Successi sensibile e attenta ai temi dell’innovazione tecnologica e digitale e ai livelli di aggregazione.

L’informazione di RDS seguirà con attenzione le curiosità che emergeranno dalla settimana della Class Digital Experience WEEK e dal suo cuore, l’innovativo e ATTRAENTE Bosco Digitale situato in Piazza Duomo e ideato dall’architetto Italo Rota.

Il contributo all’alfabetizzazione digitale verso cittadini, istituzioni e  imprese RDS lo fornirà giovedì 29 giugno partecipando con un giovane conduttore Valerio Scarponi – vincitore della terza edizione RDS Academy –  al workshop  “Millennials e nativi digitali”.  Un’ analisi del target dei Millennials e Nativi Digitali, una generazione che si affaccia e si impone alla società, perché nata nel contesto digitale e comprende al meglio le sue opportunità, dalle 14.45-16.15 all’Università Telematica Pegaso c/o Palazzo Durini (via Santa Maria Valle, 2 Milano).

RDS oltre a ricercare i Millenials come ascoltatori – dichiara Massimiliano Montefusco General Manager RDS – propone percorsi per i giovani talenti sempre più in un’ottica di digital trasformation e personal Branding, programmando momenti formativi e opportunità di ingresso nel mondo del lavoro come RDS Academy,  il master “Radio e New media management e content”, RDS Startup Lab che consentono ai millenials di accedere e costruirsi una competenza 3.0.”

Al workshop Valerio Scarponi porterà l’esperienza maturata nella terza edizione di RDS Academy che lo ha visto trionfare e aprirgli le porte degli studi di RDS e consentendogli poi di  potenziare la propria capacità professionale sia nelle tecniche di conduzione radiofonica che di gestione dei contenuti social e delle piattaforme digitali. Una competenza maturata con la partecipazione alle sessioni di due digital influencer: Daniele Doesn’t matter e The Show che lo hanno formato nella comprensione della gestione delle potenzialità dei dispositivi digitali e social. La sfida della Digital trasformation nel mondo della radiofonia passa anche dalla capacità di supportare l’ecosistema generato dall’ingresso nel mondo del lavoro dei nativi digitali che talvolta , come hanno dimostrato alcuni provini presentati per entrare in RDS Academy, non sanno esprimere e poco comprendono, le potenzialità delle piattaforme a disposizione, nonostante il loro utilizzo e rapporto quotidiano.

Il percorso strategico di RDS 100% Grandi Successi ha portato a consolidare un posizionamento su “Music & entertainment experiences”. Il tutto si sintetizza in una propensione a far vivere agli ascoltatori e ai partner ‘esperienze uniche’ , mettendo a disposizione una piattaforma web, social e radio in grado di amplificare  e diffondere quanto più i contenuti. RDS porta gli ascoltatori nel cuore di una iniziativa,  sia essa un concerto, un evento glamour o sportivo, rendendoli protagonisti e soprattutto ‘attivi’, dando un riscontro misurabile ai partner commerciali, dalla veicolazione del drive to store, all’arricchimento del database , attraverso il data collection e lead generation etc.

Un percorso che è iniziato all’interno dell’azienda con un’attenzione a far crescere talenti e ad attrarli, che possano cambiare il paradigma ed interpretare al meglio i tool digitali, come dimostra il recente conseguimento per RDS della certificazione Top Employers 2017, un risultato che arriva nel pieno di un processo evolutivo che ripensa nel profondo l’idea di lavoro aziendale, sulla scia della trasformazione della Radio in Entertainment Company, presente su tutte le piattaforme.

Il Conduttore radiofonico è sempre più 3.0, un talento anche digitale che crea un rapporto con gli utenti e dimostra di saper attrarre l’interesse dei Millenials sfruttando tutti i canali per facilitare l’interazione e il confronto.

 

*Ufficio Stampa RDS

Massimo Tesio – tesiomassimo67@gmail.com