Grazie a Lettura Day, in programma tutti i giovedì fino al 23 settembre, le letture ad alta voce in pubblico si stanno diffondendo a macchia d’olio in tutta Italia.

Biblioteche, scuole, circoli di lettura, attori professionisti e dilettanti, cittadini hanno aderito all’ultima iniziativa lanciata da ADEI, Associazione degli editori indipendenti italiani.  

Leggere insieme vuol dire condividere un’esperienza e farla diventare una diffusa e virtuosa abitudine per tutti. Dal giorno del lancio di Lettura Day, lo scorso 23 aprile, ad oggi, circolava però un piccolo grande freno: ma si possono leggere liberamente ad alta voce opere di autori di oggi? Il dubbio era che fosse necessario il pagamento di una commissione alla Siae. Ora, dopo le richieste avanzate da Adei, si è fatta chiarezza: la lettura ad alta voce è libera e non ha bisogno di autorizzazioni SIAE.

Basta una liberatoria scritta degli aventi diritto sul testo – dichiara Marco Zapparoli, Presidente di ADEIE se l’editore che lo pubblica è titolato a farlo, basta la liberatoria rilasciata dalla casa editrice. Noi di ADEI diffonderemo presso chiunque lo chieda l’elenco aggiornato degli editori che rilasciano una liberatoria globale che permetta ai cittadini italiani di leggere brani ad alta voce”.   Fino a oggi, tutti ritenevano che per leggere ad alta voce opere di autori i cui diritti non sono “di pubblico dominio” – deceduti, cioè, dopo il 1951 – fosse necessario chiedere a SIAE un’autorizzazione. “
Se non c’è biglietto d’ingresso, pubblica esecuzione, riproduzione musicale in accompagnamento alla lettura, nulla è dovuto a SIAE – prosegue Zapparoli- Solo le opere ufficialmente depositate presso SIAE sono tutelate da questa Società. Ma sono una piccola parte. Ovviamente, è bene richiedere a SIAE l’elenco”.  

Via libera, quindi, a Lettura Day per tutti: grandi, piccini, di ogni epoca, taglia, storia, origine, colore e passione, in qualsiasi luogo si trovino, pubblico o privato, a scuola, al lavoro, per strada, nei negozi, sui palcoscenici o dai balconi. L’importante è mettersi in gioco leggendo ad alta voce per qualcun altro, scegliendo il proprio libro del cuore o affidandosi al caso e afferrando quello più vicino. E se si vuole condividere, meglio ancora: basta postarlo sui social con l’hashtag #letturaday. Chi vuole raggiungere un pubblico più ampio potrà registrare il proprio appuntamento sul sito www.letturaday.it che raccoglie le iniziative.          
Ufficio stampa  laWhite – press office and more
letturaday@lawhite.it +39 011 2764708
Silvia Bianco + 39 333 8098719 
Simona Savoldi + 39 339 659 8721
Marta Maimone +39 339 6473047
Roberta De Vitis +39 347 9660925